Meta del Settore Giovani 2014/2015

 

Il Settore Giovani definisce la propria meta annuale cercando di dare una risposta di fede all’esortazione di Gesù ai suoi discepoli “Coraggio, sono io, non temete!” [Marco 6, 50].

Gesù ci invita ad avere fiducia nella sua Parola.

Secondo il paradigma missionario proprio dell’Azione Cattolica, il Settore si impegna ad una specifica attenzione verso le realtà giovanili intra ed extrassociative, rinnovando una cura particolare per la fascia 18-25/30.

Rivolgersi ai giovani più vicini e a quelli più lontani è l’espressione sintetica dell’obiettivo che ci proponiamo di perseguire, invocando l’intercessione del beato Alberto Marvelli.

Vorremmo edificare insieme agli uni una Chiesa più bella ed accogliente (riscoprendo insieme la ricchezza delle radici e dello stile di AC) e far conoscere agli altri una Chiesa rinnovata, attenta e gioiosa: evitando la tentazione della “quiete” e della “serietà formale”, ci proponiamo di dare nuovo impulso ad uno stile missionario.

Più in particolare, sentiamo l’esigenza di ravvivare la particolare identità dell’Educatore, che non può prescindere da una profonda confidenza con Gesù: quest’incontro – personale e comunitario – trova espressione nella gioia del Servizio in Parrocchia e nella Testimonianza di una vita bella nei confronti di coetanei (negli ambiti di studio e lavoro) e verso i Giovanissimi che educano.

Stimoliamo un’attenzione specifica ai Passaggi Giovanissimi-Giovani / Giovani-Adulti, accompagnando ciascuno a percorrere la strada della piena maturità di fede, suscitando una nuova corresponsabilità degli educatori stessi e di tutti i giovani di AC nei confronti del Centro Diocesano (anche attraverso la responsabilizzazione di Zona).